Crea sito
  • Benvenuti

    Benvenuti sulla piattaforma dedicata al percorso di Alternanza Scuola Lavoro intrapreso dagli alunni del triennio 2015/2018 del Liceo Scientifico Statale “O. Tedone”.
    In questo sito troverete tutto ciò che riguarda il progetto, incluse informazioni, eventi e contenuti multimediali.

    Cosa è l’alternanza ?
    “L’Alternanza Scuola-Lavoro” è un modello di apprendimento basato sull’esperienza personale dei ragazzi dai 15 ai 18 anni in realtà lavorative del territorio. Lo scopo è quello di creare un legame tra l’apprendimento teorico e le competenze che si possono acquisire solo grazie all’esperienza diretta nei posti di lavoro, superando le barriere della disoccupazione, del disorientamento e dell’incongruenza tra domanda e offerta di lavoro.

    Esperienza nei licei
    Dopo l’approvazione della legge 107 del 2015, meglio conosciuta come “ La Buona Scuola”, l’Alternanza è diventata obbligatoria anche nei Licei, suscitando alcuni dubbi circa le effettive possibilità lavorative che possano combaciare con il percorso formativo liceale. Infatti, questa è una delle criticità che si presenta ogni anno anche perché il Ministero non offre linee guida sulla scelta dei partners nel territorio.
    Tuttavia, l’Alternanza era già ampiamente consolidata negli Istituti Tecnici e Professionali da più di 10 anni.
    La legge prevede che nei licei siano svolte in totale 200 ore tra laboratori e lezioni teoriche presso la struttura ospitante e quella scolastica. Ogni scuola ha la possibilità di scegliere come gestire il monte ore; ad esempio, nel caso del nostro liceo:
    • 3° anno 60 ore
    • 4° anno 100 ore
    • 5° anno 40 ore
    Per quanto riguarda le ore teoriche, sono stati previsti dei corsi svolti da docenti esperti in:
    • Diritto
    • Salute e Sicurezza
    • Ambiente
    Al fine della validità del percorso di alternanza, è necessaria la frequenza di almeno ¾ delle ore totali (25% di ore di assenza).
    Dall’esperienza non traggono guadagno né gli studenti né i tutor esterni, questi ultimi offrono quindi le loro conoscenze e competenze in maniera gratuita e sperano di trovare negli alunni spunti di innovazione e forza giovanile.
    Il singolo percorso di ogni classe è curato da un Tutor Interno, ovvero un docente che si occupa della ricerca dell’azienda e del coordinamento delle attività, facendo da tramite tra la scuola e la struttura ospitante.
    Cosa pensano gli studenti dell’alternanza? “A discapito del diffuso scetticismo, l’alternanza si è rivelata per noi ragazzi un modo per scoprire le proprie attitudini e capire ciò che si nasconde dietro il mondo del lavoro, dimostrando pienamente come la forza giovanile può contribuire ad apportare innovazione e beneficio alle strutture che hanno investito sulle nostre capacità” – queste sono alcune parole dei ragazzi di 5^A.

  • ASD Buena Vista | V E

    Approfondendo il “dietro le quinte” di una realtà lavorativa operante nell’ambito dello Sport e del ballo dilettantistico si è cercato il coinvolgimento degli studenti in specifiche simulazioni di attività di management e  gestione delle attività associative, tecniche specifiche di insegnamento delle discipline sportivo-olistiche all’interno della scuola “BUENAVISTA”.Si sono osservate le logiche organizzative, le dinamiche di interazione e di aggregazione socio-culturale di un’A.S.D. senza fini di lucro.

    Tra gli obiettivi primari del percorso vi è stato quello di infondere negli alunni la consapevolezza che anche lo sport può rappresentare momento ludico ricreativo e di aggregazione sul piano sociale e opportunità di sviluppo in un settore legato all’offerta sportivo- ludica del territorio.

  • Laboratorio Analisi | IV C

    In cosa consiste il progetto

    Il progetto ha inteso, assecondando l’indirizzo di studi scelto e le competenze già insite nel progetto-scuola (indirizzo chimico-biologico), contestualizzare gli apprendimenti teorici con le applicazioni pratiche in campo sanitario . Si tratterebbe, quindi, di ripercorrere, seppur in maniera approfondita, questo cammino e di correlarlo nei suoi aspetti ambientale e sanitario e di opera di sensibilizzazione dei giovani alla cultura della salvaguardia dell’organismo, della prevenzione delle malattie e del rischio e dell’organizzazione amministrativa di strutture complesse, quali gli ospedali. Queste problematiche sono avvertite nel nostro territorio, così come nella nostra scuola ed in particolare dagli studenti di questa classe per i loro studi specialistici in ambito chimico-biologico e ,quindi per essi la salvaguardia della salute degli esseri umani deve essere perseguita con ogni mezzo e la formazione in quest’ambito diventa iter orientante e/o professionalizzante. L ’obiettivo è quello di correlare l’attività teoretica all’agire ed alla formazione di competenze negli allievi, atte a delineare in loro una nuova visione della realtà e/ a promuovere una cultura fondata sull’agire, attenta alla salvaguardia della qualità della vita, attraverso il bisogno della prevenzione e della cura e gli aspetti relazionali nel lavoro.
    I destinatari sono i 24 alunni della classe.

    FASI DEL PROGETTO
    1. Lezioni in aula di diritto ed imprenditorialità (6 ore )
    2. Lezioni in aula di sicurezza negli ambienti di lavoro ( 12 ore)
    3. Lezioni in aula di studio di alcune malattie attraverso l’interpretazione delle analisi cliniche (10 ore)

    INIZIO e FINE

    Data Inizio:  Novembre 2017

    Data Fine:  Marzo 2018

    PRODOTTI E MATERIALI REALIZZATI

    Alla fine del percorso di stage verrà redatto un power-point contenente i momenti salienti dell’attività.

  • A.R.P.A. Bari | V D

    Il nostro gruppo classe ha partecipato al progetto di Alternanza Scuola Lavoro presso il laboratorio di chimica degli alimenti ARPA Puglia, dove, grazie alla disponibilità del tutor esterno, ogni singolo individuo ha messo in pratica il proprio sapere scientifico e umanistico sviluppando le proprie capacità di orientamento.

  • Valutazione di qualità e sicurezza degli alimenti | V C

    La classe ha svolto quattro diversi progetti di alternanza. Due di questi, svolti presso le aziende Granoro e Casillo, concluderanno l’esperienza entro ottobre; i restanti due gruppi, che svolgono l’attività nelle Cantine Crifo e TorreVento, la termineranno orientativamente nel mese di dicembre.

    Il tutor scolastico, professor Luigi Rossini, ha coordinato i vari percorsi intrapresi dagli alunni, che hanno compreso come valutare i criteri di qualità e sicurezza degli alimenti.

  • Museo Jatta | V F,H

    Alcuni ragazzi dell’indirizzo linguistico e scienze applicate svolgono l’attività di alternanza scuola lavoro presso il Museo Jatta di Ruvo dal 23 al 30 settembre. Sono stati formati diversi gruppi di lavoro per le traduzioni ed il sito ufficiale ed interattivo del museo.

    • Traduzione in Braille dell opuscolo ufficiale del museo Jatta di Ruvo di Puglia

  • Mat Laboratorio Urbano Terlizzi | V A

    Una realtà che ormai è entrata a far parte della quotidianetà del nostro liceo: l’Alternanza scuola-lavoro.
    Una delle criticità sorta a conclusione del percorso dello scorso anno, è stata la mancanza di un’informazione esaustiva dei vari progetti portati a termine dalle varie classi del liceo. Da qui è nata l’idea del percorso A.S.L. dell’anno scolastico 2017-2018 che ha coinvolto alcuni alunni della classe 5^A, guidati dal tutor interno prof. De Bari Cosimo e dal tutor esterno Vallarelli Nicolò presso la struttura ospitante: M.A.T. Laboratorio Urbano Terlizzi. Il progetto ha previsto la realizzazione di un sito web e ciò si è presentata come una grande opportunità per i ragazzi, poichè hanno avuto l’occasione di affacciarsi al mondo della cominucazione via web, apprendendo informazioni più tecniche . Così durante le quaranta ore formative,distribuite nel mese di Settembre,si è partiti da un excursus storico del giornalismo editoriale web con il supporto del docente Andriani Nico.
    A seguire si è passati ad incontri di Web design con la docente Tempesta Arianna e in conclusione alla creazione di tale sito guidati dal docente Cantatore Angelo.

  • Itel Telecomunicazioni Ruvo di Puglia | V A

    Negli ultimi anni l’automazione, la robotica e la connessione dei dispositivi alla rete (Internet of things) richiedono sempre più tecnici con capacità e conoscenze multidisciplinari che vanno dall’informatica all’elettronica passando per la meccanica.

    L’obiettivo del percorso è di passare rapidamente dalla progettazione alla distribuzione di sistemi di controllo, in un ambiente didattico pratico ed empirico che risulta flessibile e interattivo.

    Le attività del laboratorio di meccatronica hanno permesso  di realizzare un prototipo di robot autonomo su ruote interamente costruito e programmato dai noi. Tale automa racchiude tutte le competenze acquisite durante il periodo di alternanza scuola-lavoro.

    Al momento siamo  separati in due gruppi: il primo impegnato nella costruzione del prototipo del robot Ironhide  (montaggio dei motori, sensori, ruote, batterie, e collegamento alla MyRIO) e il secondo nell’implementazione degli algoritmi di controllo che risiederanno sulla MyRIO (cervello elettronico del robot).

    L’utilizzo del software Labview, adatto alla progettazione di sistemi è stato propedeutico allo sviluppo del prototipo “Ironhide 1.0”. Il robot attraverso un sistema di controllo stabile e autonomo è capace di muoversi in un ambiente evitando gli ostacoli. Lo scopo è garantire la corretta esecuzioni  degli algoritmi di movimentazione e riconoscimento degli ostacoli attraverso l’utilizzo di sensori(sonar e sensore infrarossi) e motori .Dopo aver azionato i motori e calibrato i sensori l’algoritmo sarà in grado di rilevare ostacoli e cambiare direzione. Il tutto è reso possibile grazie all’utilizzo della MyRio(controllore real time).




    Loading

  • Le app del Tedone premiate alla Camera di Commercio di Bari

    Di queste, in tre raggiungono le finali nazionali della Digithon e una è in fase di follow-up
    Nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro (ASL) 2016/2017 dieci classi del liceo scientifico e linguistico O.Tedone hanno partecipato, nel mese di Febbraio, al progetto “A scuola di start-up”, coordinato dal professor Cataldo Nichilo, indetto dal laboratorio AuLab e dal comitato per l’imprenditoria femminile. La piattaforma AuLab è un laboratorio che stimola gli studenti, mediante la creazione di imprese, ad una scelta più consapevole del percorso universitario, una sorta di ponte tra scuola e università che prepara gli alunni ad essere gli imprenditori del domani.

    Il progetto si è svolto in due fasi. La prima fase costituita da lezioni interattive sull’orientamento al lavoro; la seconda di attività di laboratorio conclusasi con la presentazione dei vari progetti. Tre di questi progetti, “Room & Mates” ideato dalle ragazze delle classi 4^A e 4^E, “Homeless Cloud” creato dai ragazzi di 4^H e 4^F e “Human care” progettato dai ragazzi di 4^C, hanno raggiunto le finali regionali svoltesi presso la Camera di Commercio di Bari il 22 maggio 2017.

    Un quarto progetto, l’app “WC localization” realizzato da ragazzi di 4^A, ha raggiunto le finali attraverso una votazione sui social, presentato e premiato alla Camera di Commercio insieme a “Room & Mates”.

    In occasione, invece, delle finali nazionali del 23-24-25 Giugno, i due progetti sono stati esposti alla Digithon di Bisceglie insieme a “Homeless Cloud”.

    “Room & Mates” è un’app che permette a studenti e lavoratori fuori sede, grazie ad agganci con un’agenzia immobiliare, di trovare un appartamento e dei coinquilini con cui dividere le spese, in tutta Europa. La seconda è un’app che, grazie ad un localizzatore GPS, fornisce una panoramica dei WC più comodi da raggiungere con relative informazioni sulla qualità.

    A detta dei ragazzi è stata un’esperienza molto formativa che ha dato loro un’infarinatura di quello che è il mondo del lavoro. Un’esperienza che ha sviluppato la loro capacità di lavorare in gruppo, di prendersi le proprie responsabilità, ma allo stesso tempo, un’occasione di divertimento.

    Alcuni ragazzi hanno deciso di lavorare al loro progetto anche dopo la fine del concorso. Un alunno del Tedone in particolare, Alessandro Angelico, fondatore dell’app “Homeless Cloud” ha dato vita ad una vera e propria azienda virtuale. La sua app permette di smaltire i capi d’ abbigliamento non utilizzati donandoli ad associazioni di volontariato. Tutti coloro che doneranno almeno un capo guadagneranno un “punto HC” grazie alla somma dei quali si potranno ottenere premialità.

    L’app ha suscitato l’interesse di alcuni amministratori locali che hanno contattato nel tempo Alessandro.

    Nonostante vari problemi e varie complicanze, il progetto ASL 2016/2017 grazie all’aiuto dei tutor scolastici e aziendali, è stata un’esperienza che ha aiutato i ragazzi ad entrare a far parte, anche se in modo leggero e non impegnativo, del mondo lavorativo e che sicuramente li aiuterà nel futuro, qualunque sia il cammino che ognuno di loro vorrà intraprendere.